BENVENUTO. una rosa per te.!

Guestbook: Lasciami un saluto

Per firmare il guestbook, cliccare sull'immagine. Lasciate un commento in modo che possa ricordarmi della Vostra visita. Questo è solo un libro degli ospiti, siate carini, potete scrivermi complimenti (spero tanti), critiche ( poche sono sensibile!!!) o lasciare il vostro nome o link. Tornate a trovarmi presto.

Piccola guida: un altro modo per lasciare un commento

1- clicca su commenti alla fine di un post. (vedi sotto il post. dopo la dicitura- pubblicato da....) 2- si aprirà una finestra:scrivi il tuo commento all'interno dello spazio 3- sotto al commento scegli l'identità: - GOOGLE/BLOGGER= (se hai già un account in uno dei 2) inserisci nome e password, - NOME/URL= inserisci il nome che vuoi e poi lascia lo spazio per l'url vuoto; - ANONIMO= se non vuoi far capire chi sei (o non hai capito le altre 2 opzioni, in tal caso puoi lasciare il tuo nome nel commento ). 4- Clicca su pubblica commento.

Per saperne di più

Per saperne di più
Per qualunque richiesta ed informazione sulle mie creazioni, contattami: danielab.style@gmail.com sarò felice di risponderti.

I miei bijoux: la produzione di sognidiperlej12m13

Se vuoi vedere i miei bijoux, clicca sull'immagine, se invece ti interessano solo i bijoux dedicati alle future spose, clicca sull'immagine quì sotto. Buona visione!

giovedì 6 gennaio 2011

Buona Befana

Heiii ragazze siete pronte?
Avete messo in moto la scopa è ora di partire ci aspetta una lunga notte!!!

 
Io sono già pronta con calze e dolcetti e vado di fretta, ma prima di andare voglio raccontarVi la leggenda della Befana:

- La storia della nascita della Befana pone le sue radici all’interno di una tradizione culturale di matrice pagana, di superstizioni e aneddoti magici.
Il periodo natalizio si pone in un momento dell’anno che storicamente era ricco di rituali e usanze legati alla terra, all’inizio del nuovo raccolto e all’idea di propiziarsi fortuna e prosperità nell’anno nuovo.
Già gli antichi Romani celebravano l'inizio d'anno con feste in onore al dio Giano e alla dea Strenia (da cui strenna natalizia). Queste feste erano chiamate le Sigillaria; ci si scambiava auguri e doni in forma di statuette d'argilla o di bronzo e perfino d'oro e d'argento. Queste statuette erano dette "sigilla", dal latino "sigillum", diminutivo di "signum", statua. Le Sigillaria erano attese soprattutto dai bambini che ricevevano in dono i loro sigilla (di solito di pasta dolce) in forma di bamboline e animaletti.
La Befana è un personaggio che ha colto suggestioni da diversissime leggende e trasposizioni culturali. Inizialmente, e si parla ancora del periodo romano politeista, la popolazione venerava Diana, la dea della caccia e della fecondità che nelle notti che precedevano l’inizio della nuova semina si diceva passasse, con un gruppo nutrito di donne, sopra i campi, proprio per renderli fertili e fecondi al nuovo raccolto.
L'enciclopedia Treccani ne dà la seguente definizione: è per il popolo un mitico personaggio in forma di orribile vecchia, che passa sulla terra dall'1 al 6 gennaio. Nell'ultima notte della sua dimora il mondo è pieno di prodigi: gli alberi si coprono di frutti, gli animali parlano, le acque dei fiumi e delle fonti si tramutano in oro. I bambini attendono regali; le fanciulle traggono al focolare gli oroscopi sulle future nozze, ponendo foglie di ulivo sulla cenere calda; ragazzi e adulti, in comitiva, vanno per il villaggio cantando...in alcuni luoghi si prepara con cenci e stoppa un fantoccio e lo si espone alle finestre...I contadini della Romagna toscana sogliono invece portarlo in giro sopra un carretto, con urli e fischi, fino alla piazzetta del villaggio, ove accendono i falò destinati a bruciare la Befana...Gli studiosi vedono nel bruciamento del fantoccio (la Vecchia, la Befana, la Strega), che persiste un po’ dappertutto in Europa, la sopravvivenza periodica degli spiriti malefici, facendo risalire il mito della befana a tradizioni magiche precristiane...
Col passare dei secoli la deriva pagana diede spazio alle interpretazioni cristiane; siamo ovviamente in un medioevo fatto di persecuzioni alle streghe e di forte fervore religioso. Ed è qui che avviene un primo incontro di culture, la bella Diana diviene una brutta donna e i riti dei falò (si bruciava il vecchio per dare spazio al nuovo) divengono dei veri e propri roghi della vecchia, dove una simbolica attempata strega viene posta al di sopra di questi roghi. Le contaminazioni pagane e cristiane generano quindi una figura di donna che è un misto di entrambe le culture, da una parte vive la buona Diana e dall’altra la cattiva strega che deve essere bruciata.
Questo rito propiziatorio, a cui ancora oggi possiamo assistere, è stato poi abbracciato dalla chiesa ed è qui che nasce la leggenda bella Befana. Si dice che i Re Magi in viaggio per Betlemme avessero chiesto informazioni sulla strada ad una vecchia, e che avessero insistito perché lei andasse con loro a portare i doni al salvatore. La vecchia rifiutò, ma poco dopo, pentita, preparò un cestino di dolci e si mise in cerca dei Magi e del bambino Gesù.
Non trovandoli bussò ad ogni porta e consegnò dolci ai bambini sperando di potersi così far perdonare la mancanza. Con la mediazione del cristianesimo la Befana diviene quindi una specie di strega, vestita di stracci, brutta e che vola sopra i tetti con una scopa, ed ha quindi un lato perfido che la rende un personaggio estremamente affascinante. Se infatti molti altri benefattori come Babbo Natale o San Nicola portano doni a tutti, la Befana porta dei regali modesti e tanto carbone a chi non è stato buono.
L’etimologia del nome Befana, è strettamente legato al nome della festa, è una derivazione infatti delle forme dialettali con cui il popolo esprimeva il termine “Epifania”. Il dualismo affascinante che sta sotto alla figura di questa vecchia è forse il motivo per cui non è mai diventata un vero e proprio oggetto commerciale, fatta esclusione per gli ultimi anni.
Se San Nicola è un santo protettore, e Babbo Natale un paffuto rubicondo nonnino che accontenta tutti i bambini, la Befana è invece la sostanza femminile pagana di una lunga tradizione rituale contadina.
Non porta soldi, e non ha neppure un gruppo di elfi artigiani per fare regali, la Befana tradizionale porta arance, noci, piccoli dolci casalinghi e carbone, ultimamente zuccherato ma comunque carbone, e ci ricorda che dopo le feste si torna a lavorare a “sgobbare” per i frutti del terreno.
Non è un caso l’usanza di dire “l’epifania tutte le feste porta via”. Perché è proprio dopo il sei Gennaio che il contadino ricominciava con la nuova semina, che si riprendevano i fervori casalinghi per dar vita ad un nuovo, e si sperava, prosperoso raccolto.
La Befana è un personaggio molto inserito nella cultura italiana ma questa leggenda trova riscontri anche nelle tradizioni precristiane olandesi o tedesche.
E così presso i tedeschi del nord troviamo Frau Holle che nella Germania del sud, diventa Frau Berchta. Entrambe queste "Signore" portano in sé il bene e il male: sono gentili, benevole, sono le dee della vegetazione e della fertilità, le protettrici delle filatrici, ma nello stesso tempo si dimostrano cattive e spietate contro chi fa del male o è prepotente e violento. Si spostano volando o su una scopa o su un carro, seguite dalle "signore della notte", le maghe e le streghe e le anime dei non battezzati.-

Bella storia vero? Spero che Vi sia piaciuta.
Ora scappo, anzi volo
....che sappiate non ci vorrà mica una patente speciale vero?

BUONA BEFANA A TUTTIIIIII!!!!

5 commenti:

antonella ha detto...

Beh, augurarti Buona Befana no mi sembra opportuno, quindi opto per Buona Epifania. Bella la storia!

Stella ha detto...

Buona Epifania!

MariCrea ha detto...

la mia è iniziata benissimo!
Buon'Epifania a te
mari

Halia ha detto...

Buona Epifania anche a te Dany.
Bello il racconto con tanto di spiegazione, ma anche buon 2011!
Ciao a presto

Uapa ha detto...

Articolo molto interessante, grazie :-)