BENVENUTO. una rosa per te.!

Guestbook: Lasciami un saluto

Per firmare il guestbook, cliccare sull'immagine. Lasciate un commento in modo che possa ricordarmi della Vostra visita. Questo è solo un libro degli ospiti, siate carini, potete scrivermi complimenti (spero tanti), critiche ( poche sono sensibile!!!) o lasciare il vostro nome o link. Tornate a trovarmi presto.

Piccola guida: un altro modo per lasciare un commento

1- clicca su commenti alla fine di un post. (vedi sotto il post. dopo la dicitura- pubblicato da....) 2- si aprirà una finestra:scrivi il tuo commento all'interno dello spazio 3- sotto al commento scegli l'identità: - GOOGLE/BLOGGER= (se hai già un account in uno dei 2) inserisci nome e password, - NOME/URL= inserisci il nome che vuoi e poi lascia lo spazio per l'url vuoto; - ANONIMO= se non vuoi far capire chi sei (o non hai capito le altre 2 opzioni, in tal caso puoi lasciare il tuo nome nel commento ). 4- Clicca su pubblica commento.

Per saperne di più

Per saperne di più
Per qualunque richiesta ed informazione sulle mie creazioni, contattami: danielab.style@gmail.com sarò felice di risponderti.

I miei bijoux: la produzione di sognidiperlej12m13

Se vuoi vedere i miei bijoux, clicca sull'immagine, se invece ti interessano solo i bijoux dedicati alle future spose, clicca sull'immagine quì sotto. Buona visione!

mercoledì 11 novembre 2009

Quattro passi a Santarcangelo di Romagna


Oggi è l'11 novembre: S.Martino e memore della tradizione, l'estate di S.Martino è tornata!
Finalmente dopo giorni di pioggia è tornato il sole, certo non caldo, ma brillante e che invita ad uscire e godersi la bella giornata.
Quale occasione migliore dunque per fare quattro passi in un paese che festeggia oggi il suo Santo Patrono con una fiera di centenaria tradizione e che attira ogni anno migliaia di persone.
Oggi si va a S.Arcangelo di Romagna, alla Fira de bèc ( la fiera dei becchi=cornuti)
Curiosa denominazione che deve il suo nome all'usanza di appendere al centro dell'Arco trionfale della centale P.zza Ganganelli, un paio di corna di bue, che dovrebbero segnalare oscillando, se la persona che vi passa sotto in quel momento è stata vittima del tradimento dell'amata/o.
La fama della tradizionale Fiera di San Martino ha oltrepassato i confini locali, facendone una manifestazione conosciuta a livello nazionale, anche per i cantastorie che si danno appuntamento ogni anno in occasione della Sagra Nazionale a loro dedicata.
La Fiera di San Martino è incentrata soprattutto sul cibo: nella Casa dell'Autunno, in Piazza Marini si possono trovare i prodotti tipici di molte regioni italiane, nella centrale Piazza Ganganelli Casa Romagna offre ogni sorta di specialità emiliano-romagnola, e i tanti punti ristoro soddisfano ogni richiesta, dalla piadina alla polenta. Non mancano poi, accanto al tradizionale mercato ambulante, esposizioni di cose vecchie, artigianato artistico, auto e macchine agricole, delle quali la città è allegramente "invasa" fin negli angoli più reconditi e lontani. Tra gli appuntamenti in programma anche il "Palio della piadina" aperto a tutti, rigorosamente non-professionisti.

Al di là dell'aspetto folcloristico, S.Arcangelo di Romagna è una bella cittadina a pochi chilometri da Rimini, che affonda le sue radici storiche in epoca romana, quando i primi cristiani perseguitati si rifugiavano nelle antiche grotte tufacee che si trovano
sotto la sua parte antica e che l'uomo ha continuato a scavare nel corso dei secoli utilizzandole come luoghi di culto pagano o cristiano. Nel corso dei secoli sono state usate come cantine, grazie alla temperatura costante di 12°/13°C e come rifugi in tempo di guerra per la gente del paese.
Oggi alcune di queste grotte sono aperte al pubblico ed è possibile visitarle.
Le grotte si trovano in centro e sono facilmente raggiungibili a piedi.
La prima notizia storica su Santarcangelo di Romagna si trova nel Codice Bavaro che cita un "pagus" e la pieve fatta costruire nel secolo X forse sulle fondamenta di un tempio preesistente.
La città fu poi soggetta ai vescovi di Ravenna e di Rimini e nell'XI secolo venne fortificata. La rocca ne è testimonianza ancora tangibile.
A cavallo del 1300 si succedette il dominio cesenate con quello riminese e nel 1390 la città fu espugnata da Giovanni Sforza.
I Malatesti vi regnarono fino al 1462 quando venne conquistata con un terribile sacco dalle truppe comandate da Federico di Montefeltro.
Dal 1503 al 1505, godendo di particolari esenzioni di tributi, Santarcangelo di Romagna fu governata dai veneziani.

Dopo essere passata alla famiglia Zampeschi, la città tornò ai vescovi che qui ebbero sede con competenza anche su parte del territorio riminese fino a San Marino.
La città trovò vigore e splendore nel '700 quando in particolare venne eletto papa Lorenzo Ganganelli, nato a Santarcangelo che passò alla storia, con il nome di Clemente XIV, per aver soppresso la Compagnia di Gesù. A lui venne dedicato l'arco trionfale ad opera di Cosimo Morelli, che disegnò anche l'antistante piazza.
Dal 1863 Santarcangelo di Romagna si fregia del titolo di città. Vi sono nati, tra gli altri, il pittore Guido Cagnacci, il poeta Tonino Guerra, l'attore Paolo Carlini e vi dimorò per lungo tempo lo storico Gioacchino Volpe.
Santarcangelo di Romagna offre al visitatore curiosità e testimonianze storiche.
Accanto alle grotte si erge la bella chiesa collegiata, costruita nel '700. Qui sono conservati un crocifisso di scuola giottesca e un polittico di Iacobello da Bonomo datato 1385 con i dipinti del Longhi e del Cagnacci.
Da visitare tutto il centro storico sul colle, con le sue strette vie dette "contrade". La torre dell'orologio o Campanone, dell'800, è testimonianza del simbolo laico della città.
Poco lontano è la rocca Malatestiana, dove la leggenda vuole che si consumasse la vicenda di Paolo e Francesca. Al suo interno, ampie sale con mobili d'epoca sapientemente utilizzate dalla proprietà, i principi Colonna, per convegni letterari. Dalla torre si domina poi un panorama unico.
A ovest della città è la Pieve preromanica, restaurata nel dopoguerra dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso, così come la bella Celletta Zampeschi del 1400.

Nella città nuova, nata attorno alla piazza Ganganelli, ci sono il palazzo del municipio, la chiesa del Suffragio, la biblioteca e i bei portici Torlonia. Da poco tempo è stato aperto il museo etnografico in via Montevecchi, dove sono raccolte le testimonianze della vita di campagna dell'800 e primi '900. Fra le tante curiosità, oltre alla "tomba" di San Martino dei Mulini, a 6 km dal centro cittadino, una casa colonica fortificata del 1300, c'è l'antica Bottega del Mangano dove vengono stampate le tele a ruggine. In via Verdi si affacciano la bottega di Alfonso Giorgetti, fabbro-artista e di Federico Moroni, pittore di fama internazionale.
Se proprio non puoi venire a S.Arcangelo ma vuoi ugualmente passeggiare per le sue strade, clicca qui per un tour virtuale alla scoperta di questa città che amo particolarmente, dove ho abitato per sei anni e dove torno spesso per ritrovare amici e luoghi.
Cliccando sul tasto destro del mouse e trascinando l'immagine, potrai vedere le sue strade, i monumenti e puntando sui bollini rossi spostarti attraverso il centro storico alla ricerca di angoli suggestivi.Buona passeggiata.

8 commenti:

lufantasygioie ha detto...

tante grazie Dany,
di essere passata da me
purtroppo devo aspettare anch'io
bella la foto l'hai fatta tu?
A presto lucia

Aria Creativa ha detto...

molto interessante e sopratutto sembra una bella cittadina, da mettere nella lista dei viaggi :)

girovago ha detto...

Ciao, mi sono sempre chiesto perchè hai scelto un nome così complicato per il tuo blog. Sono curioso per natura.
Buona giornata e buon uiichend.
;-)

PS C'è un "c" di troppo nella parola cucciolo, sopra il gatto.

Antonella ha detto...

Mi affascina questo posto...chissà se riuscirò adprima o poi. Bello davvero!
C'è un piccolo pensiero per te su "Animalie Poesie"...Ti aspetto!

Eva Prunella Grandiflora ha detto...

Ciao Daniela, spero che tu ti sia rimessa completamente dall'influenza e che sia tutto ok.

Il tuo pacchetto è partito lunedì, quindi è in dirittura d'arrivo. Spero che ti farà piacere.

Un abbraccissimo dal Belgio
Eva

Aria Creativa ha detto...

ho un premio per te, passa sul mio blog per ritirarlo :)

Barbara ha detto...

Ciaooo che bei gioielli che crei!! Io ci ho provato ma son poca cosa confronto ai tuoi sei bravissima e poi che bel blog bellissimo l'albero e' un'immagine rilassante e mistica...ispiratrice...
baci baci
barbara

www.mylittledreamliving.blogspot.com

Il mondo in due Penny ha detto...

Ciao Daniela! Un premio è sul nostro blog in attesa che tu lo ritiri.... ti aspettiamo, a presto! ;)